« Prev Job 19 Next »

Chapter 19

1Giobbe allora rispose: 2Fino a quando mi tormenterete e mi opprimerete con le vostre parole? 3Son dieci volte che mi insultate e mi maltrattate senza pudore. 4E' poi vero che io abbia mancato e che persista nel mio errore? 5Non è forse vero che credete di vincere contro di me, rinfacciandomi la mia abiezione? 6Sappiate dunque che Dio mi ha piegato e mi ha avviluppato nella sua rete. 7Ecco, grido contro la violenza, ma non ho risposta, chiedo aiuto, ma non c'è giustizia! 8Mi ha sbarrato la strada perché non passi e sul mio sentiero ha disteso le tenebre. 9Mi ha spogliato della mia gloria e mi ha tolto dal capo la corona. 10Mi ha disfatto da ogni parte e io sparisco, mi ha strappato, come un albero, la speranza. 11Ha acceso contro di me la sua ira e mi considera come suo nemico. 12Insieme sono accorse le sue schiere e si sono spianata la strada contro di me; hanno posto l'assedio intorno alla mia tenda. 13I miei fratelli si sono allontanati da me, persino gli amici mi si sono fatti stranieri. 14Scomparsi sono vicini e conoscenti, mi hanno dimenticato gli ospiti di casa; 15da estraneo mi trattano le mie ancelle, un forestiero sono ai loro occhi. 16Chiamo il mio servo ed egli non risponde, devo supplicarlo con la mia bocca. 17Il mio fiato è ripugnante per mia moglie e faccio schifo ai figli di mia madre. 18Anche i monelli hanno ribrezzo di me: se tento d'alzarmi, mi danno la baia. 19Mi hanno in orrore tutti i miei confidenti: quelli che amavo si rivoltano contro di me. 20Alla pelle si attaccano le mie ossa e non è salva che la pelle dei miei denti. 21Pietà, pietà di me, almeno voi miei amici, perché la mano di Dio mi ha percosso! 22Perché vi accanite contro di me, come Dio, e non siete mai sazi della mia carne? 23Oh, se le mie parole si scrivessero, se si fissassero in un libro, 24fossero impresse con stilo di ferro sul piombo, per sempre s'incidessero sulla roccia! 25Io lo so che il mio Vendicatore è vivo e che, ultimo, si ergerà sulla polvere! 26Dopo che questa mia pelle sarà distrutta, senza la mia carne, vedrò Dio. 27Io lo vedrò, io stesso, e i miei occhi lo contempleranno non da straniero. Le mie viscere si consumano dentro di me. 28Poiché dite: «Come lo perseguitiamo noi, se la radice del suo danno è in lui?», 29temete per voi la spada, poiché punitrice d'iniquità è la spada, affinché sappiate che c'è un giudice.

« Prev Job 19 Next »
Please login or register to save highlights and make annotations
Corrections disabled for this book
Proofing disabled for this book
Printer-friendly version





Advertisements



| Define | Popups: Login | Register | Prev Next | Help |